FANDOM


  1. Charlotte Saalfeld (nata Hofer) è un personaggio della soap opera tedesca Tempesta d'amore, è stata interpretata dall'attrice austriaca Mona Seefried.

Puntata 1-150, 295-381, 560-721, 857-2857, 2917-2921.

Sturm-der-liebe-mona-seefried-portraet

Descrizione Modifica

Charlotte è una donna molto altruista e generosa; per lei non conta molto la gestione dell'hotel anche se ne è la proprietaria. Commette l'errore più grande della sua vita quando si ostina a non voler svelare ad Alexander che lui e Laura non sono fratellastri. Gran parte delle dark lady della soap, hanno cercato di eliminare Charlotte:

  • Cora Franke (prima stagione) ha cercato di ucciderla con un tè avvelenato prima di essere arrestata.
  • Barbara von Heidenberg (seconda stagione) ha cercato di ucciderla con una pralina avvelenata per gelosia ma non ci è riuscita e l'ha minacciata di morte, costringendola a trasferirsi in Africa.
  • Doris van Norden (ottava stagione) ha drogato Charlotte con degli allucinogeni, facendo credere a tutti che la donna fosse impazzita e facendola rinchiudere in una clinica. Poi la rapisce, prima del suo arresto. e
  • Patrizia Dietrich (decima stagione) la rapisce per ben due volte.
  • Beatrice Hofer (dodicesima stagione) tenta di ucciderla, drogandola e gettandola giù da una rupe per gelosia.

Le vicende nella soap Modifica

Charlotte è stata sposata con Werner Konopka, il quale ha acquisito il cognome Saalfeld. Ha due figli, Alexander, in realtà avuto dal portinaio dell'hotel Alfons Sonnbichler, e Robert avuto da Werner. La donna è fondatrice di varie associazioni benefiche assieme a sua sorella, Suor Elisabeth e per questo lascia il Fürstenhof diverse volte per andare in Africa. Charlotte è vittima di vari tentativi di omicidio da parte delle amanti di suo marito Werner, ma vengono colpite altre persone al posto di Charlotte. Per mano di Cora Franke vengono uccisi Peter Mahler, padre putativo di Laura e Andreas, lo stalliere del Fürstenhof. Tornata in Africa, poco dopo viene dichiarata morta, invece si è salvata e torna al Fürstenhof durante il matrimonio tra Werner e Barbara Von Heidenberg; anche quest'ultima tenta di uccidere Charlotte ma al suo posto muore Lars Hoffmann, amante di Barbara. L'uomo viene ucciso con un cioccolatino avvelenato destinato a Charlotte. La Saalfeld torna in Africa per molto tempo, fino a quando fa la conoscenza di una donna simile nel carattere a Barbara, ovvero Fiona Marquardt. La donna torna a casa decisa a vendere le sue quote dell'hotel; è accompagnata dal suo nuovo compagno, Hans Blankenfels, che in realtà è un truffatore. È decisa a vendere le quote a Joshua Obote, padre di Samia, conosciuta in Africa, ma l'uomo viene ucciso per mano di Fiona. Charlotte inizia una relazione con il fratello di Werner, Andrè, ma dopo aver scoperto che Konopka è complice della Marquardt nell'omicidio di Obote, lo lascia. Parteciperà al matrimonio di Samia e Gregor, accompagnata da Werner e poi riparte per l'Africa. Tornata al Fürstenhof, fa la conoscenza di Rosalie Engel, nuova fidanzata di Felix, per la quale non prova molta simpatia, e di Sylvia Wielander, nuova moglie di Werner, che è identica a Barbara; in realtà lei è convinta che Sylvia e Barbara siano la stessa persona. Charlotte assieme a suo nipote Felix assiste a un processo di demenza che invade Werner, causato dal veleno somministratogli da Barbara. Dopo il rapimento di Felix ed Emma, Barbara viene arrestata. Charlotte rincontra il Dr. Korbinian Niederbühl, vecchio amico del padre. L'uomo arriva al Fürstenhof in compagnia della sua governante, Cosima Zastrow. Korbinian rivela, prima di morire, a Cosima, che lei è la vera figlia di Ludwig Saalfeld e che alla nascita è stata scambiata con Charlotte. Da qui nascerà un odio profondo verso Charlotte: Cosima è intenzionata a riprendersi la sua eredità. Inoltre Charlotte inizia un rapporto di amicizia e poi di amore con Michael Niederbühl, il figlio di Korbinian.

Famiglia Modifica

Relazioni Modifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.